Esperienze RealiStoria della Mia Fivet

PICK UP – LA MIA FIVET Parte 2

Pick-Up… Per fortuna… o Purtroppo (come cantava la mia amata Irene Grandi nel suo 2° lavoro discografico) sono giunta al momento di poter raccontare e soprattutto vivere di persona in cosa consiste , ma soprattutto, cosa si prova nel dover affrontare la fase del prelievo follicolare.

IL PICK-UP

La Fivet, dopo esserci auto-iniettate di tutto e di piu’e passando un primo periodo di stimolazione ormonale da farsi in Italia tra le mura di casa nostra , vuol dire anche passare a questa seconda fase in terra straniera che consiste nel farci togliere il “bottino” che tanto faticosamente dovremmo aver prodotto dopo il bombardamento ormonale e quindi qui si passa ad un contesto di tipo ambulatoriale perche’ ci aspetta una operazione con tanto di medico e assistente (ok non immaginatevi proprio una sala alla grey’s anatomy….forse ho esagerato).

La mia ora e’ dunque arrivata,  la mattina del 4 Agosto alle 08:00 come anticipato nel primo post LA MIA FIVET che trovi QUI, io e la mia compagna di vita scendiamo dal taxi gia’ colazionate direttamente di fronte al citofono dorato che tanto odio e tanto amo.

Arriva ad accoglierci l’ ostetrica che sta al 2° posto di preferenza nella mia classifica personale e per fortuna sara’ lei ad introdurmi al trattamento.

Cerco di distrarmi pensando che il suo profumo mi e’ familiare, no, non e’ che vado in  giro ad annusare la gente …. ma ricordo che durante la mia 2° IUI  lei fu colpita dal mio di profumo,

…allora usavo Elle di Yves Sant Laurent , la bottiglia viola…

e appena finita la mia inseminazione era corsa sul sito decisa ad un futuro nuovo acquisto , e cosi’ noto con gioia che quell’acquisto lo aveva fatto davvero 🙂 .

Comunque, non voglio perdermi in ricordi personali e anche stavolta vengo subito al dunque : l’ostetrica tanto carina guida me e moglie al seguito in una stanza adibita solitamente alle inseminazioni intrauterine, mi spiega che sara’ lei ad intubarmi la flebo al braccio e ad iniettarmi un bel siringone di ANTIBIOTICO che serve unicamente come misura preventivale in caso di minacce di infezione.

Io acconsento sorridente per nascondere goffamente le mie paure e le porgo il braccio sin ovviamente terrorizzata , perche’ oltre ad avere paura delle punture, del loro ascensore, dei prelievi,  il mio terrore piu’ grande sono le flebo, cioe’ l’idea di avere un liquido che piano piano viene iniettato in tutto il mio corpo attraverso una vena!

Lettura Correlata:  Inizio Transfer Embrioni Congelati - TRANSFER Parte 1

Ok, dato che questo blog sarebbe nato per attenuare le paure e non per infondere terrore, passo subito a rincuorarvi  col dire che alla fine ho sentito solo un grosso pizzichio nell’inserimento della farfallina in vena, poi nel giro di un paio di minuti mi ha inserito sia una piccola soluzione acquosa che un buon 900UI (unita’) di antibiotico diluito in forma liquida…una dose da cavallo a tutti gli effetti.

Dopodiche’ io e fidanzata abbiamo una decina di minuti per rimanere in solitudine e cercare di disperdere le paranoie nella eterea  musica chill-out che ci hanno inserito nello stereo. Momentanea tranquillita’ che viene rotta dall’ingresso della ostetrica carina che ci avvisa:

Are you ready? Come with me!

La mia mente risponde : Si’ vengo , No non sono pronta!  ma prontamente dalla mia bocca esce solo un

Yes I’me ready! 

Ed eccoci incamminare vs la sala operatoria per il Pick up

Ad accoglierci la ginecologa tanto rassicurante conosciuta durante la prima eco, la responsabile di ostetricia e la biologa.

Ecco che si assicurano come prima cosa di non rendermi cosciente e farmi entrare in quella fase pre-rinco in cui ti trovi in stato di potente ubriacatura quando puoi vedere cosa ti succede attorno ma non controlli minimamente nessuna parte del tuo corpo, sì bene o male penso sia la descrizione giusta!

A questo pensa l’ostetrica che dopo avermi spiegato esattamente come mi sarei sentita, e rassicurandomi che sarei rimasta vigile per poter osservare il tutto, fa sedere la mia compagna sempre a fianco a me, e inizia con l’iniezione anestetizzante che dovrebbe avere effetto quasi immediato….. dopo l’ultima dose (ben 3) nel giro di 30 sec comincio a sbiascicare parole incomprensibili, a perdere il mio sguardo lucido e a non reggermi la testa …ecco ha fatto effetto subito!

Anche se ero messa da panico ricordo abbastanza quello che e’ successo e con l’aiuto della mia compagna sono ora a farvi una chiara fotografia :

Abbiamo detto che dopo pochissimo la sottoscritta perde la cognizione delle cose , subito la dottoressa comincia l’opera, inserendo uno SPECULUM illuminato mentre l’ostetrica mi mette il gel freddo nella pancia trasmettendo a video le immagini in diretta dell’ecografia che guideranno la dottoressa nell’operazione.

D’ora in poi tutto l’arduo compito spetta alla ginecologa, e l’ostetricia mi tiene dolcemente una mano sulla gamba mentre la mia ragazza mi stringe la mano. Altra puntura anestetica , stavolta interna, direttamente nella parete dell’utero! Potrebbero essere state 2 o 3 … (poco importa hanno funzionato) e una volta individuati a video i follicoli migliori ( i piu’ grandi e sviluppati) si preparano alla fase di asporto.

Ci tengo a dire che l’essere cosi’ descrittiva e’ voluto perche’, nonostante possa sempre fare paura, nel momento in cui tocca a te, superare l’ignoranza con la conoscenza serve un po’ a non combattere contro i fantasmi (o contro i mulini avento nel caso di un tale Don Chisciotte) serve a lenire un po’  il timore, cosa che mi auguro possa essere utile a chi si è volontariamente o involontariamente imbattuto in queste pagine virtuali, perche’ nonostante sia un anno ormai che cerco e leggo informazioni a riguardo , mai NESSUNO ci descrive veramente in cosa consiste passo x passo una FIVET, NESSUNA credo in Italia si espone in prima persona in questo modo, descrivendo nel dettaglio cosa ti fanno, con lo scopo sempre e comunque di informare e rassicurare il piu’ possibile ogni coraggiosa  donna che vivra’ questo difficile e lungo percorso.

Arriviamo dunque al momento per me piu’ doloroso!!!!!!!!!!!!!!!!

La siringa e’ pronta per arrivare alle mie ovaie attraverso la parete dell’utero preventivamente addormentata, e inizia l’aspirazione dei follicoli uno ad uno che a 2 gg dall’ ultima eco  sono cresciuti nettamente. Il muoversi dentro di me con l’ago alla ricerca dei vari follicoli in tutte le direzioni possibili immaginabili mi provoca delle fitte fortissime, tanto che comincio a urlare come una gallina strozzata e l’ostetrica interviene subito facendomi un’altra dose da cavallo di anestetico in vena….

Lettura Correlata:  PRIMA DEL TRANSFER - LA MIA FIVET Parte 5

Questa x me orrenda sensazione si ripete poi quando passiamo alla parte sin, e nonostante le tante anestesie i miei dolori sono comunque poco sopportabili e ricordo esattamente diversi momenti di lamenti e versi miei accompagnati da rassicurazioni e strette di mano altrui 🙁

Ovviamente per me il tutto e’ sembrato infinito, ma in totale ha richiesto c.ca una mezz’ora scarsa. E tra gemiti, siringoni riempiti del mio “bottino” , e la veloce mano esperta della dott.ssa, finalmente pongono fine alla mia tortura e mi tolgono anche quel fastidiosissimo speculum enorme!

Il primo risultato di tutto questo sono 3 siringoni pieni zeppi di liquido contenente tutti i miei follicoli migliori , e una biologa entusiasta che corre immediatamente ad analizzare il tutto con una espressione che ci fa sperare in buone notizie……………

Facebook Comments

The Author

Gine

Gine

Gine è la Fondatrice dei siti MammaLesbica.com e InseminazioneAssistita.it. Da anni condivide con chi la segue la propria esperienza pratica sulla Fecondazione Assistita Eterologa in modo semplice e concreto.
E' anche autrice degli ebook "La Bibbia dell'Ovulazione" ed "Eterologa Senza Errori" e Fondatrice e Amministratrice del Forum Lesbico Italiano "Liberamente Lesbica" dal 2006.
Adora i gatti, le ciliegie e The Walking Dead

Previous post

L'ARRIVO A COPENAGHEN: FOLLICOLI FIVET Parte 1

Next post

DOPO IL PICK UP - LA MIA FIVET Parte 3

7 Comments

  1. […] ormonale con tanto di follicoli al seguito e dopo aver superato la famigerata fase del PICK-UP inizia per me una lunga e intensa fase di post-operazione in cui mi vengono prescritti i […]

  2. 12/08/2012 at 14:48 — Rispondi

    E’ bellissimo per me leggere commenti come il tuo! Grazie davvero, sono onorata di sapere che lo trovi utile.grazie x averlo condiviso!

  3. […] solo pensiero di non dover piu’ riaffrontare quello che avevo appena dovuto passare  mi si riempiva il CUORE (e il portafoglio ) infatti, al massimo se fossi stata tanto fortunata da […]

  4. […] 04/08 ->  08:00 prelievo ovuli col PICK-UP vedi QUI . […]

  5. 17/05/2013 at 03:48 — Rispondi

    Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, proverò senz’altro a sperimentare quanto avete indicato… c’è solo una cosa di cui vorrei parlare più approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

    • 17/05/2013 at 05:33

      Ciao Francesco, mi fa davvero piacere che ti sia potuto essere utile. Attendo la tua mail con piacere!

  6. […] Al nono giorno puntura serale di pregnyl per scoppio follicoli in 36 ore e appuntamento la mattina (non il giorno dopo ma 2 gg) per il famoso pick up. […]

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − dieci =