Curiosità & Suggerimenti

Riconoscimento di due mamme lesbiche prima del Parto:1˚ volta in Italia!

Il riconoscimento di due mamme non godeva del “riconoscimento in pancia” riconosciuto alle coppie etero in casi particolari.

Senza di esso si potrebbe sfiorare la tragedia per le coppie di mamme, che a differenza delle coppie etero, non sono ancora tutelate in Italia.

riconoscimento di due mamme

Cosa significa esattamente riconoscimento in pancia?

Se i genitori non sono sposati, il riconoscimento del figlio non avviene in modo automatico, la dichiarazione di nascita deve essere fatta da entrambi i genitori contestualmente.

Questo perché é necessario che la madre che ha partorito presti il consenso del riconoscimento all’ altro genitore.

Nei casi in cui si rischia che il padre sia assente al momento della nascita, la legge permette di riconoscere il nascituro prima del parto quando:

  • il padre vive all’estero per lavoro
  • in caso di parto a rischio

I genitori devono presentare all’ufficiale di Stato civile il certificato di gravidanza e rilasciare una dichiarazione di riconoscimento del nascituro, che avrà effetto reale solo dopo la nascita.

La storia del riconoscimento di due mamme Marica e Irene e le loro 36h di terrore

Marica, la mamma biologica, incinta di due gemelli, era finita in rianimazione, per problemi durante il parto.

Dopo un sudato e lungo percorso di Fecondazione Assistita all’ estero, a pochi giorni dal parto programmato, le diagnosticano un principio di preeclampsia, una delle cause più diffuse di mortalità materna e infantile.

Il cesareo procede bene, ma una volta portata in sala risveglio, a seguito della anestesia totale, Marica non si risveglia.

La operano, ha bisogno di tantissime trasfusioni di sangue. Poi rimane incoscente.

Per ben 36 ore.

In queste 36 ore di terrore non si sapeva :

  • se si sarebbe mai risvegliata
  • in che condizioni (in caso ce l’avesse fatta)
  • che fine avrebbero fatto i loro gemellini

Infatti Irene poteva riconoscere i loro figli dopo il parto solo se Marica avesse dato il suo consenso, ma lei era incosciente!

Se non si fosse ripresa i gemelli avrebbero perso entrambi i loro genitori in un colpo solo!

Fortunatamente Marica si é risvegliata, e non appena tornata cosciente hanno trascritto l’ atto di nascita (in cui compariva solo lei come genitore) col riconoscimento di entrambe le mamme.

Riconoscimento di due mamme in pancia. Nel comune di Milano ora si puó.

Ora al comune di Milano é possibile il riconoscimento di due mamme per un figlio prima ancora che nasca.

Proprio cosí, il procedimento è stato deciso a scopo precauzionale dopo questo caso ad alto rischio.

Dato che il loro caso poteva ripetersi, gli avvocati di Rete Lenford sono riusciti ad ottenere dal Comune di Milano il riconoscimento in pancia anche per i bambini con due mamme!

Le avvocatesse di Valentina Pontillo e Maria Grazia Sangalli infatti hanno portato l’ attenzione sul tragico caso di parto plurigemellare a rischio di Marica e Irene.

Rischio di figli doppiamente orfani alla nascita

Se la madre biologica é in pericolo di vita al momento del parto, i figli oltre a correre il rischio il rischio di perdere la mamma partoriente, subiscono il doppio dramma di non poter essere riconosciuti dall’altra mamma.

–> Irene non avrebbe potuto riconoscere i bambini se fosse successo qualcosa di irreparabile a Marica.

–> Né prendere decisioni mediche per i gemelli, per i quali il tribunale avrebbe dovuto nominare un tutore

Anche un altro comune lombardo ha seguito il buon esempio di Milano accogliendo un’identica richiesta.

“In questo modo si garantisce l’interesse del nascituro alla formazione dello status di figlio di entrambi i genitori anche in presenza di genitori dello stesso sesso, per i quali, anche se uniti civilmente, non sussiste alcun automatismo nel riconoscimento, come invece avviene per le coppie coniugate”.

Rete Lenford

Io stessa prima di partorire, 4 anni, fa nominai l’ altra mamma come futuro tutore della piccola amazzone tramite atto notarile, in caso mi fosse successo qualcosa durante il parto.

Non é la stessa cosa perché non dava comunque garanzie, ma in caso di tragedia post parto sempre meglio di niente. Se oggi ne avessi bisogno decisamente proverei anche questa strada.

Consiglio il Riconoscimento in pancia a tutte le coppie di donne che hanno parti a rischio (ad esempio quelli gemellari) se vivono in Comuni che registrano entrambe le madri lesbiche

sottolinea anche l’ avvocato Valentina Pontillo.

Non abbassiamo mai la guardia e segnatevi questa possibilitá come riconoscimento di due mamme se pensate di correre un parto a rischio!

condividi la notizia 

Facebook Comments

The Author

Gine Verte

Gine Verte

Gine Verte è la Fondatrice dei siti MammaLesbica.com e InseminazioneAssistita.it. Da anni condivide con chi la segue la propria esperienza pratica sulla Fecondazione Assistita Eterologa in modo semplice e concreto.
E' anche autrice di ebook sull'argomento che trovi nel menu` Risorse del Sito e Fondatrice e Amministratrice del Forum Lesbico Italiano "Liberamente Lesbica" dal 2006.

Previous post

Coppia di donne e Fecondazione Assistita: raccolta fondi per pagare il trattamento all'Estero

Next post

This is the most recent story.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.